Guide Zero Waste, Zero Waste

Lo swap: che cos’è e come organizzarlo?

Svuotare l’armadio senza buttare niente, fare shopping senza spendere un centesimo, trovare l’abito tanto desiderato da anni ma che purtroppo è fuori produzione. Sembra quasi impossibile eppure grazie allo “swap” può diventare realtà!

Direttamente arrivato dagli Stati Uniti, lo “swap” è un momento di scambio e di incontro organizzato tra amici, parenti, colleghi o sconosciuti. Tra una chiacchierata ed un mini tramezzino, si provano e si scambiano camicie, pantaloni, gonne, scarpe… L’idea dello “swap” è quindi quella di dare una nuova vita a quei vestiti che non indossiamo più. Tutti abbiamo un giorno acquistato per sbaglio una maglia per poi abbandonarla in fondo al cassetto. Tutti, o forse è meglio dire tutte, conserviamo un paio di jeans stretti in attesa di una dieta che non arriva mai. Tutti abbiamo una camicia comprata perché scontata ma che alla fine non fa per noi. Sì, lo ammettiamo ma perché lasciarli inutilizzati nel guardaroba quando esiste una soluzione? Perché non dar loro una nuova vita?

Partecipare ad uno swap

Purtroppo, gran parte del nostro armadio non viene utilizzato. Abbiamo i nostri capi preferiti che mettiamo sempre e ci sono tutti gli altri di cui ci potremmo disfare. Per questo motivo c’è chi, come Roberta  Zumba e Raffaella Berna, fa del riciclo dei vestiti “uno stile di vita”. Dal 2014, organizzano degli aperitivi swap nei locali di Milano per permettere ai partecipanti di fare shopping a costo zero e favorire un’economia circolare. L’idea sembra piacere sempre di più e grazie alle numerose iniziative sul tema del riciclo ma anche ai nuovi mezzi di communicazione come Facebook si diffonde in tutta Italia. Consultando i siti come Swap in the city Milano, Swap party o eseguendo una breve ricerca su Facebook, sarà facile trovare i prossimi eventi nella vostra città e partecipare. Tuttavia sappiate che è anche possibile organizzare il vostro swap party in casa!

Come organizzare uno swap?

Per chi non abita in una città dove si organizzano degli swap o per chi vuole semplicemente organizzare una bella serata swap tra amiche, ecco qualche consiglio per organizzarlo.

  • Scegliere la data : alcuni periodi dell’anno sono più propizi agli swap. Per esempio, il cambio di stagione è ideale perché togliendo dal guardaroba i vestiti estivi per inserire i vestiti invernali (e vice versa), ci rendiamo conto di quello che abbiamo, quello che non ci serve o quello che ci manca.
  • Scegliere il luogo : per quanto riguarda il luogo, lo swap privato si può semplicemente organizzare in casa. Una stanza abbastanza ampia per accogliere tutti con delle sedie e dei divani è perfetta. Ultimo consiglio per il luogo, potrebbe essere carino mettere a disposizione degli ospiti un’altra stanza (un bagno o una cameretta) dove provare i vestiti.
  • Invitare i partecipanti : amici, parenti, vicini o colleghi potrebbero tutti partecipare. Ovviamente il numero dei partecipanti varia in base al luogo scelto! Come contattarli? Usando il passaparola, un bigliettino in ascensore, un evento organizzato su Facebook oppure una mail inviata a tutti possono essere di aiuto.
  • Fissare delle regole : anche se lo swap party fatto in casa è una cosa informale, è sempre meglio fissare alcune regole. Per esempio, in base alla stagione, si può chiedere di portare soltanto capi invernali o estivi. Se i partecipanti sono tutte mamme, si può indicare se i vestiti per bambino sono accettati o no. Per essere sicuri di poter scambiare con tutti, chiedere agli ospiti di portare, per esempio, tre capi almeno.

E per rendere lo swap party divertente ed unico, perché non scatenare la vostra fantasia? Non sarebbe bello fare uno swap party con una vera e propria sfilata tra amiche? Oppure uno swap merenda con tanti biscotti e vari tè da assaggiare? O ancora un baby swap party abbinato ad una baby shower?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *