Vario

Perché il Black Friday è così nero

Dal paese più consumista del globo non potevamo non acquisire una tradizione peggiore di quella del Black Friday, che cade il giorno successivo al Ringraziamento e propone sconti esorbitanti per un periodo di tempo limitato. Tale venerdì nero, questa la traduzione, a noi fa ricordare il nero dovuto allo smog delle città zeppe di macchine sfreccianti verso i centri commerciali, dei corrieri verso le case dei clienti, dei camion merci verso i negozi.

Il venerdì nero che per scongiurare il crollo della Borsa ci svuota i portafogli.

Chi ci guadagna?

Di certo non voi; pensate agli scorsi acquisti, specialmente a quelli sbagliati e al possibile pentimento provato nel rendervi conto di quanto non facessero per voi, acquistati solamente perché sotto l’invitante luce del -70%, a quanti vestiti della taglia sbagliata, con colori che non ci donano, di materiali scadenti si sono riempiti i nostri armadi. Pensate a tutte quelle volte che vi siete trovati davanti alla cassa con il carrello (reale o virtuale) pieno di cose “scontatissime”, per poi realizzare che avete speso comunque una fortuna.

Lo capiamo che quel pelacarote elettrico a forma di coniglio era carino, ma se resta inutilizzato in un cassetto non aiuta.

-Chi ci rimette?

Tanto per cominciare i lavoratori con il loro carico di stress supplementare. I lavoratori come noi, che diventiamo clienti e ci scordiamo di chi c’è dall’altra parte.

Avete un amico commesso? SI? Bene, allora sapete di cosa stiamo parlando. NO? Allora proviamo a ragionarci con un esempio: per questo venerdì i dipendenti di Amazon Italia hanno indetto sciopero. Tutto il fatturato che viene generato nelle grandi aziende raramente arriva al singolo lavoratore, come dimostra il caso Amazon.

Nel frattempo tanti piccoli negozi chiudono, incapaci di far fronte alla concorrenza spietata dei grandi colossi.

Inoltre, non fidatevi dei prezzi troppo bassi, spesso non sono reali affari; soprattutto sui beni che senza sconti non valgono molto, i creatori ci rimettono.

Cosa ci serve realmente?

Non vogliamo più sentire la frase “ci sono i saldi, cosa posso comprare?”, come se fosse un obbligo.

Il nostro suggerimento è quello di stilare una lista desideri con quello che vi serve e che volete realmente e successivamente ricercare tra i saldi, un po’ come quando si va a fare la spesa. Attenersi alla lista aiuta a non comprare d’impulso cose che pensiamo di volere, ma non ci servono veramente e finiranno in un cassetto, o ancora peggio, diventeranno un rifiuto.

Meno oculatezza, più frenesia e poco tempo per approfittare, portano quello che era una corsa agli affari ad essere stress da shopping compulsivo, stress dovuto a degli stupidi oggetti, che nemmeno ci miglioreranno la vita o faranno sentire meglio con noi stessi.

Rifiuti

Torniamo a quel pelacarote elettrico bellissimo. Vi ricordate la gioia di portarlo a casa e toglierlo dalla confezione?

Prima via la pellicola di plastica, poi il cartone, poi il polistirolo dentro e, infine, dopo circa 1 kg di imballaggi, eccolo! Il nostro minuscolo pelacarote.

Nel migliore dei casi questi rimarranno gli unici rifiuti. Nel peggiore, dopo qualche tempo realizzeremo di aver comprato cose che non ci servono, che a loro volta faranno una brutta fine.

Per cui salvaguardate il vostro portafoglio, il nostro ambiente, voi stessi ed evitate acquisti spropositati.

 

La nostra proposta, per questo venerdì, è di non seguire passivamente le mode consumistiche, ma di fare la differenza! Anziché esaurirti nello shopping sfrenato, inventa un’azione verde da fare oggi e condividila con gli hashtag #venerdìverde e #retezerowaste, mostraci la tua idea oppure lasciati ispirare dai nostri 10 passi.

Cercaci e unisciti agli altri partecipanti al gruppo Rete Zero Waste, ti aspettiamo!

 

1 thought on “Perché il Black Friday è così nero”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *